Il Building Information Modeling (acronimo:BIM) indica un metodo per l’ottimizzazione della pianificazione, realizzazione e gestione di costruzioni tramite aiuto di un software. Tramite esso tutti i dati rilevanti di una costruzione possono essere raccolti, combinati e collegati digitalmente. La costruzione virtuale è visualizzabile inoltre come un modello geometrico tridimensionale.

Il Building Information Modeling viene utilizzato sia nel settore edile per la progettazione e costruzione (architettura, ingegneria, impianti tecnici) come anche nel facility management.

Il ruolo di BIM nell’industria delle costruzioni (attraverso i suoi attori siano questi Architetti, Ingegneri, Geometri, Costruttori, Clienti) è di sostenere la comunicazione, la cooperazione, la simulazione e il miglioramento ottimale di un progetto lungo il ciclo completo di vita dell’opera costruita.

Un BIM può contenere qualsiasi informazione riguardante l’edificio o le sue parti. Le informazioni più comunemente raccolte in un BIM riguardano la localizzazione geografica, la geometria, le proprietà dei materiali/componenti/sistemi e degli elementi tecnici, le fasi di realizzazione, le operazioni di manutenzione, lo smaltimento di fine ciclo.

Il tanto atteso decreto BIM è stato firmato dal Ministro Graziano Delrio e con ciò il BIM in Italia ha compiuto un balzo in avanti decisivo. Con l’entrata in vigore del decreto, infatti, scatterà dal 2019 l’obbligo per le stazioni appaltanti di prevedere l’utilizzo del Building Information Modeling per tutti i lavori di importo superiore a cento milioni. Progressivamente poi, fino al 2025, l’obbligo verrà esteso agli appalti di scaglioni di importo inferiori fino a introdurre tale modalità in tutto il sistema dei lavori pubblici.

Una delle informazioni fondamentali per definire il livello di qualità del BIM è sicuramente la rappresentazione dello stato di fatto, sia che si tratti di aree libere o che si tratti di edifici/manufatti. Con i rilievi eseguiti da drone, aerofotogrammetria o laser scanner, e con la qualità dei nostri sistemi, è possibile ottenere una rappresentazione completa e coerente dello stato di fatto, quindi una solida e sicura base sulla quale impostare il successivo progetto e l’intero Building Information Modeling. Siamo anche in grado di fornire il rilievo completo dello stato di fatto unendo la parte topografica/catastale con il rilievo da drone (aerofotogrammetria e laser scanner) e con i rilievi degli interni, eseguiti con laser scanner a spalle o su treppiede. Il conseguente modello dello stato di fatto (nuvola di punti), elaborato dai nostri software, è esportabile in tutti i principali formati utilizzati dai software BIM oggi in uso.

ALCUNE APPLICAZIONI POSSIBILI:

  • Curve di livello.
  • Rapida creazione DEM, DSM, DTM (grazie al dual return è semplice discriminare tutta la vegetazione per poter creare un DTM accurato).
  • Monitoraggio cantieri.
  • Rilievo di supporto a studi di progettazione.
  • Rilievo di monitoraggio S.A.L. (Stato Avanzamento Lavori).
  • Rilievo topografico.
  • Cartografia tematica.
  • Rilievi di monitoraggio in aeree a rischio dissesto idrogeologico.
  • Scavi ed attività estrattive.
  • Rilievo per monitorare costantemente l’erosione costiera e delle falesie.
  • Rilievo per progettazione e/o riqualificazione percorsi ferroviari e stradali.
  • Rilievo per aggiornamento di mappe catastali e planimetrie comunali.
  • Modellazione e rendering 3D di edifici ed infrastrutture a fini urbanistici e architettonici.
  • Rilievo per monitoraggio discariche per calcolo volumetrie e/o progettazione di ampliamenti.
  • Rilievo per aree soggette a bonifiche.
  • Rilievo per computo biomasse (boschi, silvicoltura, trinciati per biogas).

Lo standard qualitativo di Multioptic Drone è altissimo grazie alle potenti strumentazioni 3.0.

2 Droni dotati di:

  • Sensore RGB.
  • Lidar (dual return 16 bim).
  • Due antenne GPS con correzione RTK equipaggiate direttamente sul drone.
  • Stazione GPS a terra per acquisizione dati RINEX.
  • Software per post-processing.

Principali formati di esportazione:

  • Nuvola di punti ( ASCII XYZ, LAZ/LAS).
  • DSM/DTM (geoTIFF).
  • Curve di livello (dwg, dxf, shp).
  • Profili e sezioni (dwg, dxf).
  • Mesh (obj, 3ds, dae, ply, u3d, pdf, kmz).

Multioptic Drone ha sede tra Emilia Romagna e Marche ma opera in tutta Italia e UE.

Non ci sono limiti di azione per Multioptic Drone.

Contattaci per un preventivo gratuito e per qualsiasi informazione aggiuntiva.